VENTO è/e BIKECONOMY

VENTO è/e BIKECONOMY

 Giovedì 31 maggio, ore 10.30 | La Polveriera, Via P.G. Terracchini 18, Reggio Emilia

 

In occasione della tappa di Reggio Emilia di VENTO Bici Tour 2018, alcune voci della nascente Bikeconomy si confronteranno per ragionare assieme su ciò che di meglio possiamo offrire al nostro Paese e ai suoi abitanti, vecchi e nuovi, attraverso quei fili leggeri e promettenti che sono le ciclabili turistiche del sistema nazionale, come VENTO.  

La sfida delle sfide oggi si chiama Lavoro. Lavoro dignitoso. Lavoro in ogni dove. Lavoro stabile. Lavoro bello. Lavoro green. Ogni idea, ogni progetto e ogni investimento devono avere al centro il lavoro. Il cicloturismo, e la bicicletta in generale, è un’occasione straordinaria per progettare economie che generino lavoro e per costruire paradigmi di progresso nuovi, stabili e alternativi. Il potenziale generativo del cicloturismo ci interessa e abbiamo buone ragioni per pensare che debba e possa interessare tutti. Non solo per le cifre che sono nell’aria: 44 miliardi di euro/anno in Europa (potenziale) di cui 16 in Germania (reale: e la metà nel cicloturismo); 2,2 occupati ogni 1.000 abitanti in Germania, 10 volte meno in Italia!

Ma lavoro ed economie non vengono per caso. Occorre una visione e servono intenzioni ben strutturate. Occorre la generosità di capire che non tutto deve cadere nelle nostre città, ma molto deve riguardare il territorio ed è necessario rielaborare le grandi motivazioni culturali su cui ogni innovazione deve sedersi. Non basta una bici per generare un posto di lavoro. Non basta una ciclabile qualsiasi per generare economie. Non bastano animazione dal basso e progetti anacronistici calati dall’alto. Occorre dare forma e sostanza a tutto ciò con programmi condivisi, piani coraggiosi che non si fermano al primo confine che incontrano, progetti non improvvisati.

Tutto ciò ha bisogno di cooperazione e alleanze tra i tanti protagonisti di ogni nuova economia. A cultura, politica, impresa, finanza, agricoltura, ristorazione, urbanistica, paesaggio, ambiente e tanto altro si chiede di collaborare lungo nuove piste, ancora largamente inesplorate. Non basta avvicinare bike a economy per generare una nuova economia. Non servono incentivi una tantum. Non c’è bisogno di marketing prima delle idee, ma di idee che trovano investimenti e un vasto piano di formazione capace di raccontare a tutti le nuove opportunità. Occorre produrre quelle gocce di nuova cultura che diverranno il flusso stabile di un paradigma sul quale appoggiare investimenti. Occorre pazienza e una vista lunga. I benefici che le infrastrutture leggere (bici, cammini, linee d’acqua, etc.) possono dare al territorio di questo Paese, specie alle aree interne dove languono le proposte e sono forti le emorragie, sono nodali per riannodare la speranza di un riscatto sociale, culturale ed economico basato su quel ‘paziente inoltrarsi nei luoghi’ di Zavattiniana memoria e che con VENTO proponiamo da anni. Per questo amiamo ricordare che VENTO è un progetto di territorio, come deve esserlo qualsiasi progetto di turismo sostenibile, e quindi di cicloturismo, che non voglia essere né improvvisazione né apparizione per una stagione.

 

Programma della giornata:

ore 9.30 | Registrazione partecipanti

ore 10.00 | Saluti di benvenuto: La Polveriera e Comune di Reggio Emilia

ore 10.15 | VENTO e/è Bikeconomy – Tavola rotonda
• Prof. Paolo Pileri, DAStU Politecnico di Milano – progetto VENTO
• On. Graziano Delrio, già Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti
• Dott. Marco Morganti, Banca Prossima
• Dott. Paolo Siccardi , Fondazione Cariplo
• Avv. Gianluca Santilli, Osservatorio Bike Economy
• Rappresentanze delle Regioni attraversate da VENTO : Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto
• Francesco Balocco, Presidente AIPO e Assessore  ai Trasporti, Infrastrutture, Opere pubbliche e Difesa del suolo della Regione Piemonte

Conclusioni di: Paolo Gandolfi, legge nazionale sulla ciclabilità

ore 12.15 | Perchè investire in progetti come VENTO in Italia? La parola a….

• Federica Cudini, Bosch eBike Systems Marketing Manager Italy
• Fabrizio Aghito, VP Gruppo Srl – Div. Cinelli
• Giovanna Braghieri, Responsabile Vendite della Direzione Trasporto Regionale Emilia Romagna – Ferrovie dello Stato Italiane
• Pierpaolo Romio, founder Girolibero (in collegamento Skype)
• Lorenzo Sessa, capo progetto e-mobility IREN
• Erica Zane, Ufficio Stampa Michelin Italiana
• Raffaella Donati, Presidente regionale Slow Food Emilia Romagna

Conclusioni di: Annalisa Rabitti, Azienda Speciale Farmacie Comunali Riunite Reggio Emilia

Modera: Pietro Raitano, Altreconomia

Ore 13.30 | Buffet

 

 

 

 

 

 

 

In collaborazione con:

Ospiti di: